ONICOFAGIA, QUEL BRUTTO VIZIO!

Mangiarsi le unghie spesso è sintomo di stati di ansia e nervosismo, si comincia col portare le mani in bocca, stuzzicare con i denti e staK! Prima sottiletta di unghia…
Se soltanto si sapesse quanti batteri si annidano sotto le nostre unghie questo aiuterebbe a non mangiarle, ma non è la soluzione.
Si passa agli smalti disgustosi, ma nulla da fare questo brutto vizio divora anche quel saporaccio!
Qualcuno ci riesce e tenta di allungare le unghie per la prima volta dopo averle per anni mangiate: Inizialmente noterà che queste crescono poco uniformi, deboli, si sfaldano e in alcuni casi presentano degli avvallamenti assumendo strane forme. Non ci si deve scoraggiare ci si può rivolgere all’onicotecnica che saprà cosa consigliarvi.
Di solito per ottenere unghie sane occorrono circa sei mesi.
Per chi mangia le unghie il metodo consigliato è la ricostruzione in acrilico in modo di riassettare la ricrescita del letto ungueale. La lunghezza non deve essere eccessiva sia perchè manca di sostegno, sia per abituarsi col tempo fino alla ricrescita della propria unghia che avviene rapidamente perchè stimola la difesa e l’unghia spinge in avanti. Pensare che l’idea di togliere il vizio di mangiarsi le unghie, nasce da un dentista che si prese a cuore il problema della moglie, rivestendo le sue unghie mangiate con la pasta per dentisti!

Ma ora siamo seri e vediamo bene di cosa si tratta:

L’onicofagia è l’abitudine di mangiare le unghie durante periodi di nervosismo, stress o noia.
Può anche essere un segno di disordine mentale o emotivo.
È affetto da onicofagia
il 28% dei bambini 7-10 anni
il 44% degli adolescenti
il 19%-29% dei giovani-adulti
il 5% degli anziani
L’onicofagia provoca il trasporto nella bocca dei germi che si trovano sotto la superficie dell’unghia.
L’onicofago spesso mangia non soltanto le unghie, ma anche la pelle e le cuticole circostanti, causando il trasferimento di microbi ed infezioni virali dalla bocca alle dita.
L’onicofagia lunga abitudine a mangiare le unghie può intaccare i denti favorendo la comparsa della carie
L’onicofagia è più comune nel sesso maschile che in quello femminile

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: