Vantaggi e scelte acrilico o gel?

Premetto che tutto ciò che ho scritto in questo post, non è perchè voglio discriminare una o l’altra tecnica, ma perchè ci tengo tantissimo alla salute delle unghie visto che tante donne si presentano da me  con disastrose e rovinose ricostruzioni unghie e chiedendo il mio aiuto o un miracolo, ma dovranno attendere ben 3 mesi se hanno una veloce ricrescita!
Tralascio quelle a cui hanno fatto una ricostruzione indecente, così mi rferiscono durante le sedute e che tornano a casa  si limano tutto da sole pensando che sia semplice e poi con grossi danni credono d’incolpare gli altri! Però è anche vero che un pochino lo meritano perchè si affidano a chiunque e senza informarsi e perchè credono di fare l’affare del secolo a 20 euro!
Ora basta fatevi furbe davvero e senza danni! Rimproveri a parte,senza offesa, è ora di svegliarsi un po’!
Principalmente voglio scoraggiare chi si fa rovinare le unghie rendendole inadatte alle successive ricostruzioni che sperano di avere stabili e durature dopo il disastro.
Gel o acrilico, ma quante sanno cos’è l’acrilico?
Il gel è conosciuto e i veri e seri e onesti professionisti offrono ricostruzioni in gel perfette, ma i costi non sono bassi!
Non smetterò di dire che la ricostruzione in acrilico è conosciuta ancora da pochi in Italia e i centri o le onicotecniche, non sempre scelgono l’acrilico perchè, dare una forma perfetta e sottile e una curva C in pochi secondi, non è facile e non possono farla tutti come il gel.
Si preferisce il gel per praticità di tempi e costi, anche chi sa usare l’acrilico passa al gel  forse perchè così i ritocchi sono frequenti e si guadagna di più! Non lo so fatto sta che l’acrilico lo usano in pochi.
Il gel è adatto a chi ha unghie robuste con forme già perfette di curvatura C, per esempio chi ha unghie piatte non potrà certo correggere la forma se non aumentando lo spessore, mentre con l’acrilico si può fare senza rendere le unghie spesse. Ci sono bravissimi esperti del gel che raggiungono forme perfette e sicuramente non possono svalutare il loro lavoro a prezzo basso come fanno quelle con “kit rosa fai da te”!

Chi ha conosciuto la ricostruzione unghie in acrilico, sa che  ha il vantaggio di avere resistenza e durata anche se fa lavori manuali ed è inoltre indicata per chi sofre di onicofagia,
7 donne su 20 hanno tolto il vizio di mangiare le unghe
.
Ad esempio (piccola chicca) molti non sanno che, chi suona la chitarra, ricorre alla ricostruzione con acrilico per rinforzare le unghie e perchè la resina offre durezza e la solidità.

L’ acrilico nasce prima di tutto per curare l’onicofagia e per donare una forma perfetta anche alle unghie piatte o storte e anche su piccoli monconi dopo una perdita dell’unghia.

L’acrilico è di consistenza durissima anche dopo aver dato una forma sottile che è sicuramente più naturale e bella.  Anche con la ricostruzione in gel si può fare, ma solo da veri professionisti!

Purtoppo, molte donne ignorano l’esistenza dell’acrilico a causa di errate informazioni o addirittura false informazioni!
Nascondendo la qualità dell’acrilico, si crede di raggirare e guadagnare di più abbassando i costi , ci sono donne che si affidano a chiunque sappia spalmare un pò di gel (colata…Io direi “copertura”) dopo aver acquistato un kit scadente e un manuale per unghie artificiali . Errore ed orrore!
Poi ci sono molte onicotecniche che per velocizzare il lavoro e guadagnare più in fretta incollano le unghie di plastica per dare la forma base su cui fare l’allungamento, di certo è una tecnica più veloce, costa di meno e dura anche di meno!
Per me è importante il rapporto qualità prezzo e come ogni cosa di qualità e di buona fattura l’acrilico non può appartenere a quella fascia di donne che non possono permetterselo, così come un gel di buona qualità e fattura.
I costi e le promozioni con l’acrilico sono una opportunità da prendere subito per provarlo e si sa bene che, chi prova l’acrilico, non lo lascia più ed è per questo motivo tanti centri estetici o parrucchieri, hanno paura di far conoscere l’acrilico. Molte onicotecniche che non sanno usarlo parlano male dell’acrilico e coloro che lo usano lo abbandonano perchè è più semplice fare il gel in tutte le sue sfaccettature sia di conoscenza perchè è più commerciale sia di guadagno perchè necessita di più sedute di ritocco.
I veri appassionati e amanti della bellezza delle unghie usano la tecnica in acrilico, basta vedere sulle riviste ad esempio Unghie e Bellezza e si scopre che l’acrilico è usato dai più grandi professionisti mondiali e che  nelle competizioni è ad un livello di più alta professionalità (intendo come livello di difficoltà per le più suscettibili ;D) .
Anche per il gel si devono scegliere onicotecnici di esperienza perchè, anche gli esperti del gel, rendono un’ottima forma delle unghie soltanto con le cartine e usano l’accortezza dovuta per  non rovinare le unghie sanno bene che solo gel e prodotti  di qualità sono importanti,  perchè, se i prodotti sono scadenti la ricostruzione dura pochissimo.

Quando si scelgono persone inesperte e non appassionate o che fanno questo mestiere perchè è di moda e si può praticare subito (data ancora la poca legalità e riconoscimento della sanità)  il rischio di rovinare assottigliare e corrodere le unghie col gel è alto perchè, senza una superfice ruvida non attacca ed è per questo che occorre limare il letto ungueale e purtoppo per chi ci capita poter fare una ricostruzione eccellente e duratura dovrà aspettare minimo dai 3 ai 6 mesi, se va bene e se non si causano infezioni. Immaginiamo per un momento lo stress e i danni dopo aver limato, messo la colla e addirittura il primer acido(promotore di aderenza), riflettiamoci e pensiamo alle povere unghie coperte cosa devono subire!

Chi ci tiene alla salute delle unghie evita la limatura che è necessaria per far durare di più la ricostruzione in gel delle inesperte e dei prodotti scadenti, perchè i professionisti sanno come sgrassare le unghie senza danni e usano prodotti sicuri!
Consiglio per l’acrilico, sempre e soprattutto fatto da esperti dove non viene utilizzato il primer acido e dove non vengono usate colle. Le onicotecniche di grande esperienza e abilità non usano unghie di plastica preincollate come base, ma scolpiscono sulla cartina!
Col gel ci sono altri tipi di rischi quello di danneggiare le unghie con scottature e traumi specie se si usano prodotti scadenti che costano poco e invecchiare la pelle con i raggi UVA delle lampade che stimolano l’asciugatura del gel e aumentano la produzione di melanina della pelle causando macchie e invecchiamento precoce, ma basta usare creme o guanti appositi.
L’acrilico viene scolpito sulle unghie naturali appena sgrassate, non occorre limare e non occorre il primer perchè aderisce perfettamente senza danneggiare e si asciuga in pochi secondi col calore delle mani o dell’ambiente. I ritocchi si effettuano solo sulla ricrescita non occorre limare tutte le unghie  precedentemente ricostruite di certo le unghie rimangono più sane senza traumi e indebolimento che impedisce poi seguenti ricostruzioni.
Quando s’incappa in profonde limature errate, se l’unghia ormai è troppo sottile si ha una spiacevole sorpresa e non c’è onicotecnica capace di far miracoli in questo caso, perchè, faccio un piccolo esempio (da ex restauratrice e doratrice) è come far aderire su un foglio di carta una struttura più solida, come ad esempio di cera. Se fate la prova, noterete che basterà una semplice pressione della carta sottile e la cera si staccherà.
Ripeto ancora una volta: Fate attenzione dunque a quanto danno fa limare le unghie per far attaccare i prodotti!
I vantaggi che offre l’acrilico sono numerosissimi intanto non dovrai pensare più di ritoccare spesso, potrai tranquillamente usare le mani con più praticità senza paura di rompere le unghie.
I prodotti usati sia di gel che acrilico devono essere una scelta ben attenta e di qualità almeno medio-alta dove non ci sono acidi o promotori di aderenza e già che la uso sulle mie unghie so cosa dico!  La resina carilica che uso io non indebolisce le unghie compromettendo successive ricostruzioni e distaccamenti.
Io amo e scelgo per me stessa la resina acrilica perchè: Viene scolpito velocemente sulle unghie naturali sgrassate appena, si asciuga all’aria in pochi secondi, non brucia, non serve incollare unghie di plastica, ma si usa la cartina (i più esperti) tolta la cartina  ecco le unghie pronte sottili e con una forma perfettamente a C.

Con l’acrilico o con il gel informatevi non sui costi, ma sull’esperienza e sulla passione e sul rispetto per la salute delle unghie.

Per tutto occorre una buona tecnica, ma se ci si aggiunge anche il cuore…Sai che capolavoro?😀 Katy

19 Risposte

  1. Ciao. Sono più di 20 anni che mi faccio la ricostruzione. Sono passata dalle prime con le clips, al gel fino all’acrilico. Sarò molto breve: non c’e’ assolutamente paragone. L’acrilico e’ fantastico. Aggiungo che non ricerco nell’acrilico particolari forme di arte ma bensì una forma più naturale possibile ed una lunghezza che mi permetta di lavorare e di fare la mamma.

  2. Ciao, io è da qualche mese che eseguo ricostruzioni ma solo su di me. Mai fatto un corso ma mi ritengo molto più brava di alcune onicotecniche casalinghe o che lavorano nei centri, ho imparato molto confrontandomi con persone che hanno saputo darmi consigli lavorando da molto in questo campo, tuttavia non mi sono mai presa la briga di effettuare questo lavoro su persone diverse da me
    o mia madre tanto meno prendendoci soldi. Volevo aggiungere a quello che tu hai scritto che non sempre rivolgersi ad un’onicotecnica in un centro è una garanzia per un corretto lavoro, purtroppo chi lavora nei centri 9 volte su 10 è un’estetista che a tempo perso per avere più clienti ha fatto un corso base e con solo un attestato e zero esperienza chiede di solito dai 40 euro in su. Io direi quindi di stare attente , i rischi possono essere tanti…
    Preparazione unghie scorretta , porta a sollevamenti e a funghi, utilizzo prodotti scadenti, scarsa igiene (attenzione… Un solo spingi cuticole non sterilizzato può portare con sè virus di epatite e HIV .) insomma non è facile scoprire chi sa fare questo lavoro e chi no.. L’unico segnale e biglietto da visita che le clienti hanno a disposizione è il prezzo, diffidare sempre di un prezzo troppo basso..come si suol dire… Nessuno ti regala niente!! Ciao ciao

  3. Ciao! Ho trovato per caso il tuo articolo perché cercavo notizie sull’acrilico dato che, amo le unghie curate, ma mi sono sempre affidata alla colata in gel e non ho mai avuto grossi problemi. Ultimamente però non sono soddisfatta al max del risultato estetico non tanto a causa dell’estetista ma per via delle mie unghie praticamente piatte! Sul web impazzano migliaia di foto di unghie dalla favolosa curva c e le vorrei tanto avere anche io! Da quello che ho capito dovrei quindi passare all’acrilico?!? La mia estetista di curve credo se ne intenda ben poco :S Ti chiedo quindi: dato che attualmente ho il gel è possibile farlo a partire da questo o è necessaria la mia unghia come base? Come resistenza stiamo ai livelli del gel? Perché le mie mani passano di tutto tra servizi e cose varie non vorrei si spezzassero subito perché con il gel non ho mai avuto problemi.
    Ti ringrazio anticipatamente e aspetto con ansia una tua risposta🙂

    • Ciao Rita, per fare l’acrilico devi rimuovere il gel. Non so in quale città vivi, ma esistono pochissimi che usano l’acrilico, quindi fai attenzione. La resistenza è migliore del gel specie se fai lavori manuali è indicato proprio per questo fattore e per chi ha l’onicofagia o vizio di mangiare le unghie.
      Per la curva C anche il gel potrebbe avere lo stesso effetto, ma solo la ricostruzione fatta da una esperta ovviamente; con il gel permanente non ottieni altro che uno smalto che dura circa 15 giorni se non hai unghie troppo deboli di natura. Spero di esserti stata utile, io non vivo più a Roma e altrimenti ti direi di venire da me. Un abbraccio a presto Katy

  4. Ciao! Io uso il gel perchè non ho ancora avuto il piacere di fare un corso di acrilico.. anche se mi piacerebbe!!
    Io ho imparato “sulla mia pelle” a non limare l’unghia naturale ma mi limito ad opacizzarla leggermente e mi trovo meglio. Il gel aderisce ugualmente e in lampada evito dolorosissime ustioni😉
    Certo, non dureranno una vita, ma il mese lo fanno!

  5. Ciao, ho trovato questo sito perché sono un chitarrista con problemi di unghie e ho trovato questo tuo articolo. Vorrei sapere se posso contattarti per la ricostruzione delle unghie della mano destra ed eventualmente quale potrebbe essere il costo. Grazie

    • Ciao Claudio, siete tantissimi a chiedere la resina per suonare la chitarra! Se potessi ti aiuterei, ma da tempo mi sono trasferita e non vivo più a Roma. Grazie per avermi contattata. Katy

  6. Sto leggendo tutto il tuo blog, sei adorabile e disponibile e condivido il pensiero!anche se sono solo all’inizio, dell acrilico!

    Grazie

  7. grazie x i vari commenti…sono estetista, volevo fare un corso di ricostruzione, ma non sapevo quale…se acrilico o gel…ora mi è più chiara la situazione…sceglierò l’acrilico!!! anzi, se sai suggerirmi qualche buona marca usata in commercio, te ne sono grata!😉

  8. Ciao, io ho amiche che sono passate dal gel uv all’acrilico e dicono di aver fatto un’ottima scelta!!!
    La prossima settimana vado pure io in un centro estetico a farle in acrilico perchè ho unghie sottili e ho per adesso la ricostruzione gel ma ogni 20 gg devo rifare il tutto e le mie unghie non sono tanto contente.
    Quindi ben venga l’acrilico!!!!
    Grazie mille anche per le spiegazioni!!!
    @Katy

    • Ciao Eleonora,da dove scrivi? Fai attenzione a chi ti fa la ricostruzione unghie se vedi che ti limano le unghie e ne basta una…scappa via! Per applicare la ricostruzione unghie in acrilico non serve la limatura delle unghie e non sere il primer! In bocca al lupo. Se hai problemi anch’io faccio ricostruzione a Roma. Un abbraccio Katy

  9. Sono capitata qui x caso. Capisco che tu voglia portare l’acqua al tuo mulino ma questo mi sembra un modo infamante x farlo e poco professionale. Le professioniste non demonizzano i metodi degli altri, al max possono giudicare la forma, il lavoro, il fatto che sia esegiuto bene o male, la qualità ma che chi scelga il gel al posto dell’acrilico sia slo perchè non ha voglia di faticare è sbagliato! Ovvero acrilico e gel sono buoni in maniera uguale. Non c’è un metodo migliore ma semplicemente una tecnica preferita dall’onicotecnica stessa. Poi che sia gel o acrilico poco importa…importa che sia una professionista a farlo. Inoltre perdonami ma da professionista che usa entrambi quella che l’acrilico non si lima è una cavolata. si lima eccome! scusa la forma all’unghia non gliela dai?? Lasci tutto così! ma dai! lo sanno tutti che bisogna limare x uniformare la superfie perchè x quando tu sia brava è impossibile mettere l’acrilico o gel perfettamente da non dover limare neanche un minimo. Se ci riesci allora dovresti come minimo essere su tutte le riviste di unghie. Se è x questo anche il gel se lo metti bene richiede poca limatura. Che le lampade facciano male…grazie, tutto in quantità esagerata fa male! Ma non sono qui 12/15 minuti max di lampada e pure discontinui a fare male. Certo che se ci stai 24 ore di fila magari stmoli troppo la melanina..che poi è ancora da appurare ciò perchè la potenza delle lampade o fornetti è assai bassa. pure l’acrilico sai può far male….perchè x quanto ti dicono che sia privo di acidi con cosa è fatto il liquido che unisci alla polvere per creare la pallina??? non di certo da prodotti naturali. Anzi, la differenza è che quel liquido un po’ penetra nell’unghia che è porosa ed assorbente di suo mentre col gel non viene assorbito nulla. E con cosa si sciogli l’acrilico: con un acetone puro o simile! Dubito che le tue unghie gioiscano di ciò. Come non gioiscono ad essere limate. Dunque gel ed acrilico possono danneggiare un po’ l’unghia in egual modo. Sui mediatori di aderenza….anche col gel adesso fanno mediatori di aderenza acid free o addirittura gel che non richiedono mediatore o primer. Ma poi non contiamocela: la ricostruzione non fa male ma diciamola giusta, x quanto le ugnhie siano fatte da una professionista se le lasci stare è meglio! E te lo dice una che non evrebbe nessun interesse a dirlo. Inoltre in caso di onicofagia i gel si possono usare tanto quanto l’acrilico e con ottimi risultati. Ripeto: il risultato non dipende tanto quanto dal metodo ma da chi lo fa. Sul fatto che sulle riviste siano quasi tutte unghie in acrilico è perchè è stato il primo metodo, il più diffuso in america e paesi dell’est, i quali sono i più famosi per la nail art. Inoltre molte delle decoratrici più famose fanno unghie da anni dunque anche prima che nascesse il gel e probabilmente hanno iniziato per la prima volta con l’acrilico. Ed addirittura spesso hanno avuto come insegnamento il metodo americano o hanno fatto corsi in america. Inoltre con l’acrilico si possono fare più decorazioni spettacolari. Ecco l’unico vantaggio dell’acrilico, l’unica cosa che lo rende migliore del gel è che si può giocare di più con la nail art. Tutto qui. Sul sottile ti garantisco che con i gel buoni non capisci se è acrilico o gel. Che poi comunque non si dice acrilico! perchè anche il gel è un acrilico! si dice “”sistema polvere liquido”. Magnetic è meravigliosa ma ti garantisco che i gel brisa di Cnd hanno la stessa resa di un acrilico. Sicuramente anche altri, io dico tale marca perchè la conosco.

    • Che piacere leggere quanto scrivi, collega! Poco professionale non credo proprio rispetto alla percentuale che convince la gente che l’acrilico è tossico ecc ecc ecc…
      Per altro mi pare che siamo daccordo su tanti svariati punti riguardo a gel e acrilico, se non ti soffermi a leggere solo un post e trai conclusioni affrettate pare che diciamo la stessa cosa, infatti se leggi altro sul blog trovi dei punti su cui siamo perfettamente daccordo!
      Comunque io non limo le unghie naturali e se questo da fastidio a molti, a tante donne invece fa piacere e sono contente di ritrovarsi sane le unghie anche dopo lo smontaggio definitivo!
      Per essere su tutte le riviste non puoi sapere se ci sono già e comunque c’è tempo e sinceramente non credo che l’Italia sia un paese all’avanguardia a tal punto da apprezzare l’acrilico.
      Che la lampada faccia male non lo dico io, ma la sanità, che comunque lancia solo allarmismi inutili perchè non regolarizza il mestiere cosa più importante di tutte, invece di chiacchiere si continuano a fare e a dire il vero sono stufa e non me ne preoccupo più!
      Riguardo la lampada, tante donne soffrono perchè scotta e fa dolore, questo sento dire! Io non la uso quindi, non mi interessa.
      Quello che so però è che ovunque ho sentito emerite cazzzzzzzz sull’acrilico un po’ per ignoranza , ma soprattutto perchè si convince la gente a fare solo gel parlando male dell’acrilico e non dirmi di no perchè lo fanno in tante!!!
      Ora basta nel senso che tanto qui in Italia non si usa l’acrilico quindi voi ragazze che usate il gel tranquille io non sono di certo la concorrenza a cui dovete rompere le scatoline ;o)… Spero solo capiate che io curo questo blog e cerco di essere coerente con le mie esperienze riguardo l’acrilico e il gel. Preferisco l’acrilico, il gel, l’ho abbandonato già da tempo, quindi non temete!
      Comunque si dica acrilico, resina acrilica, sistema polvere liquido, nail sculpture, io lo amo e non lo abbandonerò mai!

      • Ciao,anche io sono una blogger ma soprattutto sono onicotecnica,ho sempre lavorato il gel,l’acrilico non ho mai avuto il piacere di lavorarlo.Peró qualche anno fa,mi è capitato di provarlo direttamente sulle mie unghie,e devo dire che avendo provato sia il Gel che l’acrilico,ho notato una piacevole differenza,sia per la durata che per il risultato finale.Sono rimasta molto più contenta con l’acrilico,ho notato una durata molto più lunga,e poi ho notato (sarà anche merito della ragazza che ha modellato il tutto) un risultato molto più naturale dell’unghia,soffrendo di onicofagia sin da piccola,le mie unghie hanno preso la classica forma a cucchiaio (come ben sai) quindi le mie unghie naturali tendono a crescere verso l’alto… Quindi la bombatura è un passaggio fondamentale per le mie unghie,in modo da dargli una forma “normale” .Devo dire che anche con il gel ottengo buoni risultati,ma con l’acrilico l’effetto è più piacevole… Quindi ho pensato di provare l’acrilico,sia per un fattore personale (arricchire il mio bagaglio lavorativo non fa mai male) ma sono anche curiosa di vedere se può migliorare i danni creati nell’infanzia🙂 . Ho trovato molto interessante questo post devo dire, premetto che non smentisco il gel perché mi trovo bene,ma provare altro non costa niente… Ciao😉

        • IO amo l’acrilico ed è evidente dal mio blog capisci che ne sono davvero innamorata. Il gel non mi piace specie per i ritocchi perchè si stressa troppo l’unghia…Col passare degli anni l’uso delle unghie artificiali può modificare la forma, diciamo che f ada tutor, ma sempre se le unghie son fatte bene e ci vogliono davvero tanti anni. Grazie per aver commentato sul blog, t seguirò anchio. Ciao Katy

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: