Fenomeno Unghie Italia Estero

Il fenomeno ricostruzione unghie è una moda, ma noi non sappiamo nemmeno cosa viene applicato sulle unghie, come dal parrucchiere non chiediamo cosa viene messo sui nostri capelli e questo è una normale abitudine SBAGLIATA! Le tinte sono dei composti chimici così come le resine e il gel per le unghie e i prodotti nella fase della preparazione quando le unghie vengono limate tropo e male e s’indeboliscono diventando sottili come lattuga! Tra le tante ricerche sui componenti dell’acrilico o del gel o la fibra di vetro e i vari prodotti usati sulle unghie, poco viene mensionato e malgrado ciò, leggendo i bicomponenti della resina in acrilico, si scopre che sono usati in odontoiatria (monomero e polimero). La resina in acrilico è la prima a nascere circa 50 anni fa e poi si sviluppa il gel a cui si aggiungono altri componenti chimici fluidificanti appunto detti gel. Perchè ancora si sente dire che l’acrilico è tossico mentre il gel no, è davvero incomprensibile, visto che sono simili tranne che per la catalizzazione o asciugatura: Quella dell’acrilico avviene all’aria mentre per il gel si usano i raggi uva. I fattori determinanti in una buona resa e tenuta sono i prodotti, più alta è la qualità più si alza il costo e la tranquillità di non creare problemi di allegie o danni permanenti sulle unghie naturali. Putroppo è un fatto trascurabile vista l’ignoranza del pubblico che non chiede nemmeno la marca dei prodotti che usa e non distingue una buona ricostruzione di qualità da una scadente con prodotti acquistati al risparmio. Chi non è del mestiere non sa davvero a cosa può andare incontro e la fiducia viene sempre meno data l’esperienza in mano ad inesperti che sono purtoppo tantissimi e che immancabilmente s’improvvisano rovinando le unghie e le clienti dovranno attendere dai 6 agli 8 mesi prima che le unghie ricrescano sane e robuste. La moda della ricostruzione si sta sfruttando troppo a causa del commercio e il commercio impone il gel e annulla l’acrilico. In Italia è un fenomeno diffuso e spesso l’acrilico viene mensionato come tossico ed obsoleto per paura che lo si riconosca come miglior prodotto per la ricostruzione. Prima o poi qualcuno si stancherà: Sia che si usi il gel o l’acrilico entrambi sono componenti chimici sulle unghie naturali, quindi laspeculazione e il poco controllo da parte della sanità a favore di un giro di miliardi nelle tasche delle case cosmetiche che ormai producono anche bassa qualità pur di vendrere in nome della concorrenza. E’ proprio la forma di speculazione sull’ignoranza che a me spaventa! Non è convincere che l’acrilico è meglio del gel o viceversa. Ciò che mi terrorizza è che prima o poi tutti perderanno la voglia di farsi le unghie se i veri professionisti non saranno presto regolarizzati e il busines che oggi dilaga a discapito di tanti anche quello prima o poi dovrà fare i conti con la realtà!

Ricostruzione Unghie Katynails Roma Estate

Questi splendidi anni in cui mi sono dedicata e  mi dedico alla ricostruzione delle unghie, mi hanno portato non poche soddisfazioni a livello professionale di tecniche avanzate come l’acrilico, che ormai ho scelto definitivamente eliminando addirittura l’utilizzo del gel.
L’acrilico mi ha dato l’opportunità di sviluppare le mie qualità artitiche anche in Europa. Per l’acrilico occorre davvero tanta passione e bravura, perchè la realizzazione di unghie perfette, sottili  quasi come quelle naturali  e le fantastiche decorazioni che solo in acrilico si possono realizzare, denotano manualità elevata, senso estetico elevato, esperienza maggiore, passione, ricerca, pratica e formazione continua, insomma tutte queste qualità non tutti possono averle. Ad esempio la realizzazione di ben 10 unghie decorate perfettamente e minuziosamente con mini-sculture, è un’opera d’arte dei migliori onicotecnici appassionati e pazienti.
I migliori usano soltanto l’acrilico come il signor Bonvicini che io ammiro molto, o le nail artist di origine russa che realizzano capolavori in varie forme dallo stiletto allo edge ecc, con decorazioni minuziose pazzesche. I giapponesi mitici amanti del  lusso e della bellezza che non rinunciano ad unghie decorate ed esclusive dove la pazienza sfiora il limite e che solo gli orientali possono avere!
In Italia spesso ci viene chiesto qual’è lo stile per eccellenza e a differenza dgli altri paesi non abbiamo ancora nulla di concreto. In Russia ad esempio le unghie sono lunghe a punta decoratissime e che slanciano e donano eleganza ad ogni tipo di mano. Così in Giappone si ricerca anche il diamante vero incastonato!
L’Italia ancora si limita alla french, piccola, quadrata e corta, si crede che duri di più o che sia elegante e semplice in realtà è ormai del tutto banale, è vecchia, è triste! Perchè spendere così tanto per  realizzare ciò che si può ottenere semplicemente con smalti  colorati, quando con l’acrilico si avrebbero operere d’arte vere e proprie da indossare e sfoggiare come si fa per borse orecchini o collane ecc.? Già in altri articoli del blog ho parlato della differenza tra l’Italia e il resto del mondo ed è sempre la stessa risposta: Stiamo indietro anniluce!!!
Perchè qui si utilizza i gel invece dell’acrilico?
Il gel è ovviamente una tecnica molto più semplice da utilizzare e ultimamente si stanno ampliando e moltiplicando le filiali di rivenditori di gel e dei corsi in gel semplici e accessibili a tutti coloro che hanno un minimo di manualità, qundi il rapporto acquisto del gel è maggiore ed è  quindi maggiore il guadagno delle case cosmetiche e questo lo ribadisco, avviene solo in Italia dove ancora ci abbindolano con le stupidaggini spacciandole per moda e novità.
In Italia ancora si è capito ben poco o nulla del rapporto qualità -prezzo, infatti si vedono solo semplici unghie banali corte e quadrate a costi elevati, quando in Italia abbiamo i migliori stilisti ricchissimi di fantasia e i migliori masters di decorazione o nail artist  a portata di mano. Siamo limitati purtoppo dal mercato che predilige il business commerciale a discapito del vero stile Italiano, della vera qualità e della giusta qualità. Aprire un nail center in Italia significa soltanto sborsare 3000 euro per aprire una partita iva e vendere prodotti o stupidi corsi limitati ad una misera french e qualche ricamino con colori acrilici del ferramenta, rivestiti di barattolini lussuosi! Fare qualche unghietta semplice in gel con qualche glitterino colorato o passare uno smalto colorato da fare indurire sotto una lampada uva e fare arricchire le case cosmetiche?… No grazie! Preferisco cambiare ambito! Tantovale vendre Avon!
Io mi sono un po’ ribellata a tutto ciò forse a mio discapito o forse no, infatti molte persone mi dicono ” Fai il gel c’è più richiesta e guadagni di più!” Ebbene non m’importa! Questo rispondo sempre, non è guadagnare buttando via il talento che si raggiungono le alte vette degli stilisti in questo campo, ma sono la qualità  e la bravura di eseguire una tecnica così difficile nel massimo delle capacità, che porta le vere grandi soddisfazioni. Già in tanti richiedono la mia competenza, ovviamente non qui in Italia, ma  in Europa in Francia e in Inghielterra, ho collaborato con vari artisti tra fotografi e stilisti di moda per realizzare book fotografici per varie pubblicità di prodotti di acrilico, il mio nome è ancora in sordina e lo preferisco per ora, perchè ho la testa dura e ancora per voi sono qui per dare l’opportunità a quanti vorranno, di portare l’acrilico, ma ovviamente ancora s’insisterà nello scoraggiare chiunque a studiare e usare questa splendida tecnica che è l’acrilico per incentivare sempre più il gel  e le case cosmetiche a discapito vostro e di chi ci crede.  Chi si occupa di business sa come marciare sull’ignoranza rilfilandoci bugie e so che tanti come me si sono stancati delle bugie, se così continuerà, bene a quel punto dirò basta e anch’io come tanti altri colleghi andrò a portare il mio talento e l’acrilico dove sarà apprezzato non solo come miglior tecnica e prodotto, ma come arte e Stile Italiano che gli Italiani hanno, ma non vedono ad un palmo del loro naso!
Siamo pochi in italia ad usare questa tecnica veramente bene e a Roma c’è Katynails per tutte voi.
Ringrazio tutte le splendide donne che mi conoscono e che hanno scelto me augurando felici vacanze con le splendide unghie che ho realizzato per loro. Invito tutte coloro che ancora non mi conoscono comunicando che per tutto il mese di agosto sono a Roma.
Grazie infinite ed a tutti voi auguro buone vacanze! Katy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: