Estetista parrucchiere onicotecnica al vostro domicilio conviene davvero?

La professione dell’estetista del parrucchiere dell’ onicotecnica non è un gioco che si può improvvisare, ma occorre una vera e propria preparazione nel settore e tanta responsabilità e attenzione per la salute del corpo, dei capelli e delle unghie.

Purtoppo ancora oggi la legge non prevede norme per i settori dell’estetica che diano professionalità, ma generalizzano in un unico settore e penalizzano gli specialisti.

Ad esempio chi si occupa di depilazione con ceretta, spesso effettua anche massaggi o pulizia del viso ecc…
Ognuno di noi è afferrato in un campo specifico più che a un’altro e di conseguenza una brava epilatrice non può essere una brava onicotecnica e così via.

L’improvvisazione del mestiere che si genera dopo pochi giorni di video-guide  viste su youtube o corsi ingannevoli di breve durata senza adeguata preparazione, specie in settori così importanti come la cura del corpo dove il rischio di infezioni e danni permanenti è all’ordine del giorno.

Questa speculazione non è solo dettata da guadagno facile e veloce che come abbiamo detto prima  è spesso pericolosa e dannosa per le persone , ma è anche frutto di clienti poco informati e poco esigenti tanto da portare persone senza scrupoli ad approfittarsi  della loro buona fede e ignoranza o del loro  “non voler vedere” pur di spendere poco.

In ogni campo porfessionale non si può improvvisare o essere specializzati in mille attività ad esempio l’avvocato, non può fare il commercialista e l’idraulico non può fare il muratore.

La responsabilità di tutta questa confusione inganno e insoddisfazione dei servizi non solo dipende dagli specialisti , ma soprattutto dai clienti stessi.

Se il cliente è esigente e pretende anche di pagare poco probabilmente non sa quanto impegno, tempo e costi ci vogliono per sviluppare e offrire seriamente un ottimo servizio di qualità .

Credete davvero di avere un buon servizio al “vostro domicilio” a poco prezzo, credete davvero alle favole?

Come può una estetista venire  a casa vostra e farvi ceretta, unghie, massaggi e tinta sul tavolo della cucina o sul divano e con i bambini che giocano sulle vostre gambe?

Con tutto ciò vediamo oggi  un pululare di estetisti, parrucchieri, onicotecnici, massaggiatrici, truccatrici ecc., che offrono servizi al vostro domicilio a poco prezzo,
ma quale convenienza è recarsi nel traffico sprecare tempo e denaro con modiche cifre e quale servizio ci si può aspettare?

Mettiamoci in testa una volta per tutte che per avere un buon servizio di qualità dobbiamo cominciare a capire l’importanza del posto di lavoro perchè questo, si deve svolgere in una sede ben attrezzata di ogni confort e comodità per chi opera, così da offrire al meglio il suo servizio e allo stesso tempo per i clienti, che potranno beneficiare dei risultati migliori.

L’igiene è spesso dimenticata e gli attrezzi del mestiere non si possono trasportare di qua e di là in ambienti scomodi e inadeguati quali sono  il domicilio del cliente.
Per questo e per tanti motivi come, ed elenco i più banali ad esempio  il letto per i massaggi, i colori per le tinte e la vasca per lavare i capelli, la postazione con luce inadatta per manicure o ricostruzione unghie e le frese e i pennelli e i disinfettanti o la depilazione scomoda  ecc ecc…

Insomma se vogliamo un buon servizio di qualità serio dobbiamo recarci nei centri specializzati o nei luoghi attrezzati per quel tipo di settore. Chiaramente chi lavora a domicilio ha minori spese di gestione e può offrire anche prezzi più convenienti.

Pensiamo bene quindi quando cerchiamo l’esperto che svolge al vostro domicilio perchè spesso sarà una delusione e una spesa da evitare!

Unghie e regole

Nonostante ormai la ricostruzione unghie è conosciuta da molti, sono tantissime le donne  insoddisfatte e soprattutto danneggiate da limature eccessive o infezioni causate dalla poca igiene.
Premetto che il vero professionista si occupa solo ed esclusivamente di questo lavoro e non lo fa nel tempo libero e in orari strani, oppure di notte o solo il sabato e la domenica.
Sappiamo che chiunque ormai, può acquistare un kit in tv o dai rivenditori di cosmetici e improvvisarsi onicotecnico, come chiunque può acquistare una tinta per capelli e fare la tinta.
Il fai da te e le improvvisazioni possono riuscire o danneggiare, certo è che se andassimo dal dottore o dall’avvocato o dal piastrellista o dal meccanico e ci improvvisassimo facoltosi operatori, allora alcuni mestieri non sarebbero utili e saremmo un tuttofare semplicemente utilizzando manuali tecnici per motori o murature fai da te, o magari manuali di legge e medicina fai da te.
Quindi, escludendo coloro che approdano a questo  mestiere come secondo lavoro ed escludendo l’improvvisa crescita di tecnici di unghie e postazioni per ricostruzione unghie nei parrucchieri, nelle palestre e nei centri estetici, vorrei soffermarmi solo sui veri centri nails.
Dalla esperienza che ho, molte donne si lamentano di aver pagato 80 90 euro per ritrovarsi unghie che saltano dopo un giorno, unghie doloranti, unghie indebolite simil carta velina e  infezioni .
La sorpresa che mi lascia disgusto è che anche nei centri nails avviene questo disastro.
Ma come si fa allora  a riconoscere chi lavora con serietà, professionalità,  passione e rispetto per le unghie? Che non vedono le mani come produzione di soldi accelerando i tempi delle ricostruzioni con dolorose procedure e senza rispetto per le unghie?
Partiamo dal presupposto che la ricostruzione unghie non è un processo di abbellimento e implica l’uso di sostanze chimiche che potrebbero provocare seri danni se non sono applicate adeguatamente.

E’ importante capire che ricevere questo servizio deve essere rilassante, piacevole e assolutamente non doloroso.

Abbandonate subito è un vostro diritto:

– se il tecnico ti fa male
-se la postazione è sporca
-se il tecnico utilizza oggetti non disinfettati
-se il tecnico usa sostanze in contenitori non contrassegnati
-se il tecnico non può o non risponde alle vostre domande sui prodotti
-se il tecnico non può o non risponde alla procedura d’igiene
-se il tecnico pur di giustificare le sue carenze inventa che le tecniche di ricostruzione diverse da quella utilizzata sono dannose.

E’ sintomo di poca professionalità anche  non pulire le cuticole se sono eccessivamente cresciute, limare le unghie naturali, non prendere appuntamento per il ritocco almeno dopo 2 settimane per seguire la reazione alla ricostruzione unghie, non usare crema protettiva per i raggi uva soprattutto per chi utilizza la lampada spesso per catalizzare (asciugare il gel)

La regola fondamentale primaria è: Se il tecnico è causa di dolore qualsiasi, cerca un altro qualificato e non consentire di proseguire! Assolutamente non pagare e dire con chiarezza se vi va dove non siete soddisfatte o se vi hanno danneggiate!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: