COME COMPORTARSI DOPO UNA NAIL EXTENSION IN ACRILICO

Pochissimi e semplicissimi sono gli accorgimenti da tenere conto se si ricostruiscono unghie in acriliico: Evitare che l’unghia venga a contatto con liquidi acidi o corrosivi usate i guanti principalmente per la salute delle mani che non si possono ricostruire! Per colorare con smalti usare una base e per eliminare lo smalto usare un acetone non corrosivo detto NON-ACETONE che si può acquistare in ogni profumeria.
Si deve avere anche aver cura della pelle intorno all’unghia usando olio per cuticole con emolienti reperibile in profumeria ; non mangiare o tagliare le “pellicine”, evitare qualsiasi stress che possa ripercuotersi sulla “matrice” che è la parte viva dell’unghia.
E’ vivamente e obbligatorio usare i guanti per i lavori domestici e il giardinaggio, non tanto perchè si rovinano le unghie finte, dato che si possono sempre ricostruire, ma importantissimo  per le mani stesse che purtroppo si rovinano deteriorandosi e invecchiando precocemente. Inoltre è bene protegere le mani da agenti estrerni patogeni per evitare malattie, infezioni e perdita delle unghie stesse.
ATTENZIONE: Se accidentalmente staccate un’unghia o la rompete non ricorrere a colle o metodi fai da te, ma contattate la vostra onicotecnica che sarà ben felice d’intervenire.

CONSIGLI UTILI PER ESEGUIRE UNA NAIL EXTENSION PERFETTA

Spesso le persone che per la prima volta si sottopongono ad una seduta di ricostruzione unghie in gel o acrilico, chiedono un allungamento dell’unghia artificiale esagerato rispetto alla lunghezza dell’unghia naturale. L’onicotecnica è bene che dia sconsigli su tale richiesta anche se rischia di non accontentare la cliente deve spiegare che alla prima ricostruzione unghie e’ consigliato tenere una lunghezza massima di 5 mm oltre il bordo libero dell’unghia naturale, inoltre va considerata anche la misura del letto ungueale perchè se questo è corto o mangiato crea scompensi di peso e forma. Per permettere alla cliente di abituarsi alla nuova lunghezza dell’unghia ed evitarle contusioni, rotture e ferite che potrebbero derivare da una eccessiva lunghezza dell’unghia si ha il dovere e l’obbligo di consigliare la giusta estensione. Per chi non lo sa, l’unghia presenta, per sua natura, un incurvamento che va dalla matrice fino al bordo libero e questo  è un  importante punto dell’unghia da tenere in considerazine durante l’stensione, poichè è li che si concentra la forza e la tenuta di una buona ricostruzione. Se questo punto viene trascurato, l’unghia stressata si spezza a causa della distribuzione mal concentrata del peso e della lunghezza. Vi sono tanti e tanti accorgimenti che solo una professionista sa e che apprende dopo tanto studio ed esperienza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: