Acrygel Polygel novità della Ricostruzione unghie

Acrygel oppure Polygel, ultimanente, sono le novità della Ricostruzione unghie, ma è davvero la rivoluzione della ricostruzione unghie ?

Acrylgel oppure il  polygel, sono in realtà acrilico e gel miscelati con catalizzatore uv e liquido monomero senza odore (odorless) che  a livello di qualità e resistenza non ha paragoni con il monomero classico che chiamo in modo simpatico “il puzzone”, ma volete mettere la resa finale? Resistente anche nelle forme più estreme di allungamento e decorazione. Purtroppo molte onicotecniche come me,  abbiamo riscontrato che non ha una tenuta eccezionale e tende a consumarsi  e ad assottigliarsi sulle punte.
Dunque? Devo proprio commentare e dare un mio parere? Si, lo farò, mi piace informarvi su tutto anche se spesso mi accusano di preferire solo l acrilico.
E’ vero, io amo l acrilico e se lo conosci lo amerai anche tu…  😀
Ma torniamo a parlare dei nostri nuovi protagonisti il polygel o acrygel:
La prima cosa che ho pensato è stata, : Comodo per chi non sa dosare il liquido con la polvere ed è alle prime armi, ma per coloro che già utilizzano l acrilico non è davvero niente di eccezionale, anzi aumenta il tempo dell asciugatura che non avviene al contatto con l aria, ma sempre utilizzando la lampada e di conseguenza necessita di tempi di catalizzazione con raggi uv, più lunghi e noiosi.
Naturalmente immedesimandomi nelle aziende che vendono i prodotti cosmetici per ricostruzione delle unghie, è un modo per fare del puro commercio, spacciando questo prodotto come la rivoluzione o la novità del momento. Diciamo che non sanno più cosa inventare! L idea è buona, ma se i prodotti acrilici possono essere mescolati al gel per renderlo più forte e resistente, allora cosa significa?
Significa forse  che il gel non è indicato per coloro che fanno lavori manuali, per chi mangia le unghie, e per allungamento eccessivo, in quanto il gel è un prodotto fragile e delicato e come ho sempre puntualizzato, adatto soltanto alle fortunate che hanno unghie sane e robuste per natura.
Se evete letto i miei post precedenti, ricorderete quando ho detto  che il gel è semplicemente il neonato dell acrilico e che la chimica è identica, ma che il buon vecchio acrilico non potrà mai essere sostituito a livello di resistenza e durata?
Rileggendo la chimica dei prodotti  ricorderete che monomeri e polimeri sono miscelati insieme o manualmente , unendo liquido e polvere o già pronti sotto forma di gel a cui però hanno aggiunto un catalizzatore che si attiva solo con raggi uv.  Le catene chimiche che andranno a formarsi a contatto con l aria, sono quelle dell acrilico; mentre quelle che si formeranno con l esposizione ai raggi uv della lampada sono le catene chimiche del gel. In sostanza nei nuovi prodotti chiamati acrygel, plygel,  è stato soltanto eliminato l odore del monomero, ma i polimeri sono gli stessi.
In qualche altro post precedente ho parlato del monomero senza odore esistente in commercio, ma che ahimè non ha alcuna resistenza e solidità verso le polveri.
Purtroppo il problema dell odore forte del liquido usato per l acrilico non si può risolvere a discapito di chi come me, si occupa di questo prodotto e lo respira per molte ore, mentre per le clienti succede solo una volta al mese.  Ma questo è l unico compromesso per donare e avere una perfetta ricostruzione unghie in acrilico.
Ritornando alle mie riflessioni e al mio parere sull acrygel o polygel , continuo introducendo  che : La differenza tra gel e acrilico, è data dal fatto che con l acrilico non si utilizza la lampada e l asciugatura è più rapida se si usa un acrilico professionale fast, non per principianti. Così, se acquistate l acrilico per i principianti, noterete che unendo la polvere e il liquido, otterrete la stessa consistenza del polygel o acrygel. Noterete in oltre che la lavorazione col pennello sarà identica e l asciugatura avrà tempi maggiori. Niente di rivoluzionario o innovativo, semplicemente si aggiunge più monomero odorless (senza odore) e un catalizzatore che si attiva con uva o led uv. Da notare che queste nuove lampade al led, utilizzano comunque i raggi uv che sono sempre dannosi per la cute.
Mi spiace infrangere i sogni di coloro che non sono pratici dell acrilico e vorrebbero qualcosa di magico e miracoloso per evitare pratica ed esperienza, ma non c è.
A mio parere il polygel o acrygel è ottimo per imparare a modellare le unghie, ma non ha niente a che vedere con la miscelazione manuale dei prodotti, col pennello imbevuto di monomero, “puzzone” nella giusta quantità e il dosaggio perfetto per la consistenza adatta a rendere la resina durevole e aderente. Quello che offre a livello di pratica, sono solo  i gesti che si usano per l acrilico classico , aggiungendo il passaggio nella lampada che necessita di tempi maggiori. Concludo aggiungendo che, con il tempo, sono sicura e ci scommetto,  si passerà all utilizzo dell acrilico classico per risparmiare il noioso passaggio della lampada.
Con questo vi saluto e vi invito a leggere i miei post precedenti per essere informate e avere cura delle vostre mani e unghie.
Un abbraccio a presto Katy.

Annunci

Corso unghie acrilico e microscultura

Grazie a tutte di cuore. Mi sono commossa oggi per il vostro affetto. Ho ricevuto tantissimi messaggi e ora non voglio proprio deludervi. Molte di voi hanno richiesto di organizzare eventi e incontri con me sulla tecnica acrilica e la microscultura. Un messaggio in particolare mi ha fatto arrabbiare e poi riflettere.

Una ragazza del sud, mi ha scritto che è demoralizzata in quanto non riesce a trovare un corso di ricostruzione unghie in acrilico perché , quando contatta le scuole, tutte le rispondono la medesima cosa. É meglio il gel, si lavora di più, faresti piu soldi. L acrilico non lo usa nessuno. Puzza è tossico. Ha chiesto anche a Milano, a Roma e altre grandi città e niente! Dimenticavo di aggiungere che lei usa già il gel, ma vorrebbe un semplice approfondimento e non spendere un capitale. 

Ecco che mi ritorna in mente la mia stessa difficoltà all inizio, quando cercavo di specializzarmi in resina acrilica. Ho capito che dopo tutti questi anni non é cambiato nulla. Soltanto un marchio offre questa opportunità, ma il costo non é accessibile a tutti ed é il doppio o il triplo dei corsi per il gel. 

Mi ricordo quando partecipavo ai masters nelle sale d albergo.      C era un grande schermo, la presentazione dei prodotti e dopo la pausa pranzo il video sul grande schermo e nessun insegnante o esercitazione. Rimanevamo si e no 2-3 persone, il resto era nell altra sala a comprare prodotti. Che tristezza! 

Ma, torniamo al presente, dove nulla é cambiato e proviamo a cambiarlo. Giusto? 

Mi avete scritto in molte, tutte sostenitrici della resina acrilica, della microscultura in 3D. Tante ragazze che soffrono di onicofagia e hanno risolto il loro problema con la resina acrilica dopo aver provato il gel perché la resina é piu resistente anche se si svolgono lavori manuali. 

Senza nulla togliere al gel e offendere chi lo preferisce, in America, al contrario dell Italia, le unghie si allungano con acrilico, il gel viene usato solo semipermenente. Posso confermarlo perché in estate e ancora adesso, molte turiste americane venivano da me , non trovando competenti nella resina acrilica. 

In breve, dopo i vostri messaggi, di aiuto, di consigli, e richiesta di un percorso specifico per apprendere al meglio le tecniche della lavorazione della resina acrilica sulle unghie e la microscultura in 3D. Vi comunico che mi sto organizzando per offrire il mio tempo a questa missione: Aiutare e sostenere tutte quelle onicotecniche che amano la resina acrilica con pecorsi mirati a un vero apprendimento. 

Ho un problema però, NON vendo prodotti per unghie, non ho alcun interesse di fare la venditrice, quello é un altro tipo di mestiere. Molti marchi mi hanno contattata e ho sempre rifiutato. Se notate non c è alcuna pubblicità sul mio blog.

L unico modo per esaudire le tante vostre richieste per fare il percorso con me é organizzare il corso unghie acrilico e microscultura  purché vi procuriate da sole il materiale io vi posso indirizzare , ma non vendo nulla.  Io metterò a disposizione la mia esperienza e il mio tempo per organizzare questo percorso. Magari il fine settimana, sabato e domenica ( cosa che non fa nessuno, ma vedremo strada facendo). In fine, Organizzare il programma. Trovare una sede, (quindi ci saranno dei costi per l affitto). Decidere il percorso se farlo individuale o collettivo massimo 2- persone, così non serve la modella. Ho sempre preferito piccoli gruppi senza confusione e senza sprecare tempo.

Fin qui, sembra facile( a parole!)

Vi aggiornerò la pagina dei corsi che trovate nel link in alto nella home. Oppure se siete pigre

Che ne dite? Ci sta? 

SORPRESA! 

Un abbraccio Katy

Unghie. Articolo di prova da tablet

Unghie permettendo, sto provando l applicazione wordpress per questo post,  in modo da poter scrivere il blog anche senza pc e ovunque mi trovo. 

La cosa certa é che presto ci sarà una sorpresa. Non anticipo nulla perché non voglio dire qualcosa che non é facile da organizzare. Dico solo che oggi, ho avuto piú di 500 visite sul blog, dopo 2 anni che avevo tralasciato e piu di 400 messaggi di follower che mi sostengono e mi ringraziano per le informazioni che ho condiviso e per averle aiutate con i miei consigli.  

La sorpresa che sto preparando è utile, costa poco si può scegliere, ci sarà un colloquio, un esame e uno step successivo. È pensata per chi come me, quando ho iniziato, cercava qualcosa di serio, professionale, accessibile e onesto

Basta! Ho già detto troppo. Forse qualcuno di voi ha capito, forse no. 

Seguitemi o date una sbirciatina al blog ogni tanto, mi servirà il vostro aiuto e le vostre opinioni per realizzare un progetto utile a voi e  anche a me,  come una sfida da superare, una missione. 

Prometto solo che non sarà la solita fregatura come tante che ho preso anche io. 

Sarà sicuramente copiata da tantii, ma la mia idea è genuina, semplice, onesta, poco conveniente per il mercato miliardario che gira intorno. Spero soltanto di riuscire, perché non é semplice e crescerà col tempo. Il problema più ostico da superare, sarà la distanza, peccato non avere il teletrasporto 😁

Bene. Intanto iniziamo e insieme troveremo le soluzioni, ho fiducia nei miei follower.

Ora sono curiosa di vedere come é stato pubblicato il post con l applicazione per wordpress. Speriamo sia ok.

Un abbraccio Katy


Ricostruzione unghie. 2018 di nuovo con voi.

Finalmente! Eccomi nel mio blog dopo tanto tempo. Sono cambiate molte cose in questi anni, ora sono estetista e a breve tatauatrice. Ho studiato molto e sono stata impegnata a fare esperienza.

Sono cambiate le leggi e anche col diploma di estetista ora toccherà avere altre specializzazioni. A marzo prendo l abilitazione per fare tatuaggi. Ho scelto una scuola a Cosenza perché ha un costo accessibile. Quindi dopo un anno di pratica su pelle sintetica e tanto studio occorre  l ennesima spesa per un corso che mi insegna quello  he ho gia studiato, dermatologia, norme igieniche, ecc..ecc. 1000 euro per 90 ore e si possono fare tatuaggi.

La normativa che regola le professioni di onicotecnico ora equivale a 300 ore di corso 1500-2000 euro, ma ancora non si sa se è possibile aprire un nails center e finalmente fare ricostruzione unghie o meglio allungamento..  Per fortuna  dopo il corso si ha l abilitazione magari si affitta una cabina con partita iva o si puo lavorare come dipendente. Attenzione però, solo in alcune regioni d Italia, e ogni regione ha le sue regole … Forse! Si perché a volte non sanno nemmeno loro quale norma è valida…  Intanto a conti fatti ho speso 7 mila euro per essere estetista, piu di 2000 euro per il corso di onicotecnica e ora altre 1000 per il corso di tatuaggio semipermanente estetico e tatuaggio permanente artistico e piercing.

Al prossimo post carissimi lettori… NON DEMORDERE E SE NASCI RICCO É MEGLIO! 😀😁😂

Onicotecnico mestiere inesistente senza qualifica di estetista

L’onicotecnico, colui che si occupa della ricostruzione delle unghie è un mestiere inesistente poichè NON RICONOSCIUTO legalmente e giuridicamente, senza un valido diploma o specializzazione che non sia la qualifica di estetista.
Ciao carissime lettrici è da un po’ che non scrivo, ma ho preso del tempo per riflettere e per trovare la strada giusta per esercitare la professione di onicotecnico.
Dopo anni ho deciso di affrontare il discorso della qualifica seria, quella professionale nazionale ed europea. Oggi mi ritrovo ben 5 attestati appesi al muro, ma nessuno di questi è riconosciuto per esercitare il mestiere di onicotecnico. Non è possibile spendere altro tempo e denaro per un corso regionale valido soltanto ed esclusivamente nella regione in cui si consegue e non a livello nazionale cioè, se prendo la qualifica nel Lazio, la stessa non è riconosciuta in Lombardia o in altre regioni.
E’ la solita fregatura di fossilizzarci in un luogo senza poter scegliere altre opportunità ed è anche una presa in giro dei corsi a pagamento! Documentandomi  ho anche scoperto che la regione ha affiderà alla provincia le qualifiche professionali e tra qualche anno qualificarsi come estetista sarà possibile solo dopo il diploma di 5 anni più 3 di specializzazione ossia una mini-laurea. ( Per fortuna in Italia siamo lenti e tutto è precario quindi ci vorrà del tempo e forse cambierà tutto) Riguardo l’onicotecnico non c’è nulla che lo qualifiche a livello imprenditoriale, se non avere il diploma di estetista.
Ho deciso la mia strada circa un mese fa iscrivendomi al biennio per la qualifica di estetista 900 ore più 900.
Sono al settimo cielo perchè proprio oggi è stato il primo giorno di scuola e sono felicissima di tutti i sacrifici fatti fino ad oggi per raggiungere questo obbiettivo per me importantissimo.

estetista

Se state pensando di intraprendere la strada per diventare onicotecnici, documentatevi bene prima di fare dei corsi inutili e costosi che promettono e illudono un futuro lavorativo certo.
Oggi occorre essere qualificati nella maniera più rigorosa ed efficente per competere nel mondo del lavoro.
Spero che questo post vi possa aiutare a capire la strada giusta da intraprendere se davvero avete passione per il mestiere dell’onicotecnico con una qualifica seria e reale, perchè avere rispetto degli altri è giusto come è giusto che chiunque eserciti una professione abbia rispetto per voi.

Unghie sposa 2011 fotografie passo passo

Ti sposi ed hai già pensato al trucco ai capelli al vestito alle scarpe ai gioielli alla biancheria e le mani?
Cosa scegliereai per decorare le unghie come gioielli per il giorno più bello?

Le mani sono parti evidenti del corpo che non puoi nascondere specie sull’altare quando sul tuo anulare si poserànno occhi emacchina fotografica per il rito delll’anello …

Hai pensato a cosa apparirà nelle foto?

Sulla rivista unghie e bellezza dedicata alla ricostruzione delle unghie ho trovato due articoli molto importanti per le spose.
Ecco allora cliccando sul link vedrai le fotografie delle ricostruzioni unghie e delle decorazioni in 3D molto belle raffinate ed uniche.
Ho trovato per te anche un passo passo da seguire per realizzare o farti realizzare da un professionista le unghie per sposa, ovviamente con buon gusto e dai migliori stilisti delle unghie che immancabilmente effettuano le ricostruzioni in acrilico e non con il gel.

Spero di averti dato dei buoni consigli da seguire per non essere trascurata ed evitare la french che ormai si porta per tutti i giorni e non ha davvero più nulla di speciale per un giorno così importante!

PS, se ti piace e vuoi realizzare una decorazione speciale in acrilico con nail art3D sono qui per questo chiamami o scrivi per prenotare in tempo.

Smalto permanente o semi-permanente

Lo smalto permanente o semi-permanente è un prodotto a metà tra il gel usato per la ricostruzione delle unghie e un qualsiasi smalto colorato.
La sua qualità è quella di resistere per molto tempo senza sbucciarsi e sfaldarsi.
L’applicazione è semplicemente identica a quella di uno smalto comune, però va asciugato con un trattamento a Raggi Ultra Violetti come il gel per la ricostruzione delle unghie.
Affinchè lo smalto semi-permanente possa essere utilizzato correttamente,  si deve eseguire una buona manicure e le unghie devono essere sane e curate, dato che,  lo smalto permanente o semi-permanente, verrà assorbito dalle unghie rese porose dalla limatura effettuata precedentemente sulle unghie naturali.
La resistenza di questo tipo di prodotto è davvero impressionante, dura ben 30 giorni prima di doverlo rimuovere.
Non si può usare per allungare le unghie e non può essere applicato su unghie ricostruite.
Al momento della rimozione non viene limato o fresato ma viene immerso in un liquido composto da oli essenziali acetone ; articolo che consigliano di acquistare per poter togliere da sole a casa lo smalto prima di ritornare dall’estetista, considerando che  il giorno della rimozione, non è possibile riapplicare nuovamente la copertura, ma dovrete aspettare almeno 24 ore.
Con lo smalto semi-permanente è possibile fare anche french bianca o colorata, ed anche decorazioni semplici con smalti.
Deve essere applicato professionalmente nei centri specializzati. Sono davvero numerosi gli estetisti che offrono questo servizio.
Il vantaggio dello smalto permanente rispetto ad una ricostruzione classica delle unghie è anche economico. Bastano soltanto 30 Euro per avere unghie sempre perfette!
Ora leggete qualsiasi presentazione dello smalto permanente semipermanente e poi rileggete il mio articolo con più attenzione specie quanto segue

Nessuno ha ancora capito che è semplicemente un gel da stendere su unghie limate che va asciugato con la lampada?

Hanno trovato un modo velocissimo e di poca qualità per farvi spendere soldi inutilmente?
Non ci credete bhe provate e ne riparliamo!

La differenza tra la ricostruzione unghie in gel e lo smalto permanente o semipermanente qual’è?

NESSUNA, forse la bombatura direi, ma lascia il tempo che trova se le unghie sono brutte piatte e storte!

Smalto? Lo chiamano smalto?
Si spalma come lo smalto, ma è lo stesso identico componente del gel per ricostruzione unghie?

INDOVINATO!

Ovviamente i vantaggi sono :
Vendono più semplicemente i kit (costosi tral’altro circa 120 euro) dicendovi che finalmente anche voi a casa potete fare da sole.

Chi non è ambidestro? Cosa fa?

False promesse soprattutto che costa meno di una ricostruzione…30 Euro!
Io con 15 euro in più la trovo in acrilico e con allungamento quindi ne vale 90 di euro!

Ma quanto dura lo smalto permanente gel e che effetti ha sulle unghie naturali?

LA VERITA’?

Non fatevi ingannare date retta a me!  Se in tutto il mondo fanno la ricostruzione unghie in acrilico un motivo ci sarà!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: